Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Zanzibar’ Category

Tanzania - Bandiera

………Jambo…ciao…è il saluto quando sbarchi dall’aereo a Zanzibar.
Il nostro gruppo di viaggiatori:Nadia-Carla-Marco-Benito si concede un soggiorno relax all’isola di Zanzibar. Un posto incantevole dove l’azzurro del mare lambisce la sabbia bianca, le mongrovie, le palme di cocco e i manghi.
Al mattino con la bassa marea puoi camminare fino alla barriera corallina e puoi ammirare: le stelle marine dalle mille forme e dai colori più svariati-i granchi che scavano nella sabbia bianca-le conchiglie splendenti.
La spiaggia è molto animata :i bambini col grembiule blu vanno a scuola,i pescatori riparano le reti per poi gettarle alla sera,le donne fanno le treccine ai capelli, gli uomini nei loro capanni vendono articoli del loro artigianato, i bambini più piccoli giocano in spiaggia.
A Kiwengwa è bello lo spettacolo dell’alba e il tramonto del sole.La luna riprende il suo spazio e illumina la spiaggia.
Vicino abbiamo visitato un piccolo villaggio IL CAIRO è una minuscola Africa,la gente semplice e dei bambini meravigliosi.
La spiaggia diventa il loro parco giochi..ti chiamano,ti cercano, hanno un particolare bisogno di tanto affetto e di essere anche presi in braccio.
Se regali una caramella,un biscotto,un quaderno,una matita a colori li fai felici. Ci ha dato una immensa gioia vedere la loro felicità che spruzzava dai loro occhi vellutati.

KIKIMKAZI è una località all’estremità sud dell’isola: piccolo villaggio di pescatori e con le loro barche si va al largo per vedere i delfini che si divertono , spuntano dal mare una..due pinne ma è difficile fare delle foto.
FORESTA DI JOZANI
E’ abitata da svariati tipi di piante ed animali, abbiamo conosciuto le rare **scimmie rosse** Queste buffe scimmiette vivono in gruppi in una zona circoscritta della foresta. Saltano da una pianta all’altra e sono una specie endemica di scimmia:
**colobus e sykes**
STONE TOWN
La capitale dell’isola con il mercato della frutta,del pesce, il mercatino dell’usato, odori intensi e pungenti,i famosi portoni in legno intarsiato.
Gli uomini dalle lunghe cesti,le donne velate in nero, le grida dei bambini rappresentano solo una parte di questa umanità.
La città è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità per gli interni dei palazzi con portoni di legno intagliato, per la
prigione degli schiavi,per i bagni persiani del 1870,per la casa di Livingstone, missionario-esploratore del 1860,per la Cattedrale Anglicana del 1886 e la Cattedrale Cattolica del 1860.
E’ giunta l’ora di ritornare a casa ma ricorderemo quest’isola dell’Oceano Indiano per gli odori,i profumi delle spezie,il sorriso dei bambini e la bellezza delle donne e dei loro uomini.
KAKUNA MATATA… ( nessun problema…la vita continua)
*Le foto sono state scattate da B.Roveran*
** Se vi piace il mio sito o blog, linkatemi nei vostri siti o blog! Grazie.** Il mio sito è disponibile ad ospitare i diari e le foto dei Vostri viaggi**
**Scrivetemi a: b.roveran@gmail.com
 
 
 
 
 
 
 
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Annunci

Read Full Post »

 

Il futuro nasce da incontri con i popoli del mondo

 

Viaggiare senza confini…Vivere senza confini

Chi viaggia ha molto da raccontare**(detto popolare)
Chi non viaggia non conosce il valore degli uomini** (anonimo)

Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi. (M.Proust)

Quanti colpi dovrà sparare un cannone prima di tacere per sempre?
Quanti anni potrà resistere un popolo prima di essere un popolo libero?
Quante volte un uomo dovrà voltare la testa per far finta di non vedere?
La risposta, amico mio, è sospesa nel vento
(Bob Dylan)

*** Messaggio della fratellanza fra i popoli***

La terra è un solo Paese

Siamo onde dello stesso Mare

Foglie dello stesso Albero

Fiori dello stesso Giardino

(anonimo-Lapide di Villa Sigurtà)

 

Quando si viaggia ciò che conta è il piacere di andare,non la meta finale.

Quando si arriva diventa piacevole il ricordo  del luogo lasciato alle spalle.

Quando si torna diventa piacevole interrogarsi su quale sia il luogo migliore in cui vivere, senza potersi mai dare una risposta.( F.Morace)

 

“Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare. Darsi tempo, stare seduti in una casa da tè a osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l’amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro d’umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare.” TIZIANO TERZANI da
“Un indovino mi disse”

Allora ……Vagabondiamo insieme!

Una marcia di mille miglia inizia con un singolo passo.

Con affetto

Carla e Ben

** Se vi piace il mio sito o blog, linkatemi nei vostri siti o blog! Grazie.**

** Il mio sito può ospitare i diari e foto dei vostri viaggi**

* Scrivimi a: b.roveran@gmail.com

***DIVENTA AMICO DI QUESTO SITO***


Read Full Post »